ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA-Francia: l'irritazione di Parigi, le "scuse" di Obama

Lettura in corso:

USA-Francia: l'irritazione di Parigi, le "scuse" di Obama

USA-Francia: l'irritazione di Parigi, le "scuse" di Obama
Dimensioni di testo Aa Aa

Parigi convoca l’ambasciatore statunitense ed esige spiegazioni convincenti, Barack Obama telefona ad Hollande e il presidente francese esprime “profondo biasimo”…
L’ultima puntata del “datagate” sembra aver davvero irritato presidente e governo francesi.

Nella telefonata tra i due capi di Stato Obama ha sottolineato la “profonda amicizia” ed ha anche assicurato: “stiamo modificando la nostra intelligence”.

L’ultima rivelazione parla di settanta milioni di conversazioni telefoniche francesi intercettate dalla NSA americana negli ultimi due anni, e l’impressione, anche degli esperti d’oltreoceano, è che le cose oggi continuino così:

“Ci sono stati dei passi recenti dall’amministrazione per aumentare il controllo sulle azioni dell’NSA. Però possiamo essere abbastanza sicuri del fatto che al momento la sorveglianza massiva dei cittadini di altri paesi stia andando avanti come prima”.

Le rivelazioni della stampa francese, basate sulla documentazione trafugata da Edward Snowden, giungono in una fase di precipitoso calo di popolarità per il Presidente e il governo francesi. La reazione apparentemente forte di queste ore potrebbe rialimentare il consenso e rallentare la crescita dell’estrema destra.