ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cile ricorda vittime dittatura, le scuse dei magistrati per aver ignorato denunce

Lettura in corso:

Cile ricorda vittime dittatura, le scuse dei magistrati per aver ignorato denunce

Cile ricorda vittime dittatura, le scuse dei magistrati per aver ignorato denunce
Dimensioni di testo Aa Aa

Tra accuse di collaborazionismo e ammissioni di colpa, il Cile, 40 anni dopo, ricorda Salvador Allende e le vittime del golpe militare.

In un Paese dove il dittatore Augusto Pinochet non ha mai subito un vero processo, oggi l’associazione magistrati chiede scusa, ammettendo che i giudici avrebbero potuto fare di più. Furono infatti respinte 5 mila denunce di sparizione di oppositori politici.

“Quaranta anni dopo il colpo di Stato militare, le questioni dei diritti umani e delle violazioni durante la dittatura sono ancora aperte – spiega Alicia Lira, rappresentate delle famiglie delle vittime – Questa è una negazione della giustizia, ci sono più di 1.300 processi aperti. Le ricerche di coloro che sono stati arrestati, o sono scomparsi, durano da 40 anni e i corpi non sono mai stati restituiti. Perché non dicono la verità? Perché non rompono questo patto del silenzio?”

Almeno tremila persone furono uccise durante la dittaura, 40 mila furono torturate e perseguitate. La ricorrenza cade alla vigilia delle elezioni presidenziali in programma il 17 novembre e la candidata socialista, Michelle Bachelet, si è rifiutata di partecipare alle commemorazioni organizzate dal governo conservatore.

Le tensioni politiche hanno favorito gli scontri in piazza tra la polizia e i gruppi più violenti dell’opposizione.