ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Croazia, seconda giornata di proteste contro introduzione bilinguismo

Croazia, seconda giornata di proteste contro introduzione bilinguismo
Dimensioni di testo Aa Aa

Seconda giornata di proteste a Vukovar contro l’introduzione del bilinguismo nella città martire della guerra per l’indipendenza della Croazia.

Ex combattenti e cittadini comuni hanno sfilato davanti agli edifici pubblici dove sono stati installate insegne in alfabeto cirillico e latino. Una decisione contestata dall’opposizione, secondo la quale il bilinguismo non contribuisce a migliorare le relazioni con la minoranza linguistica serba. Tomislav Karamarco, presidente dell’Unione democratica croata, accusa il governo di non rispettare i cittadini.

Replica il sindaco di Vukovar, Zeljko Sabo, che denuncia i tentativi dei partiti di opposizione di strumentalizzare la protesta a fini elettorali: “Stiamo assistendo a un plateale tentativo da parte dell’Unione democratica croata e del Partito croato per i diritti di creare disordini nel paese con l’obiettivo di destabilizzare il governo”.

Lunedì, una cinquantina di manifestanti avevano rimosso e distrutto le nuove insegne poste sugli edifici dell’amministrazione centrale nella città che nel 1991 fu teatro di una delle più sanguinose battaglie tra serbi e croati. Delle sei persone fermate, tre sono ora state rilasciate.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.