ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Eurozona, cresce la fiducia. Ma resta il problema disoccupazione

Lettura in corso:

Eurozona, cresce la fiducia. Ma resta il problema disoccupazione

Eurozona, cresce la fiducia. Ma resta il problema disoccupazione
Dimensioni di testo Aa Aa

Una ventata di speranza soffia sulla ripresa della zona euro.

Quel segno più visto tra aprile e giugno dopo ben 6 trimestri in rosso ha spinto verso l’alto tutti gli indici della fiducia di agosto: produzione, servizi, vendite al dettaglio e propensione al consumo.

Risultato: l’indicatore misurato dalla Commissione europea è cresciuto a 95,2 punti, ben oltre le attese. Crisi finita? Non proprio, spiegano gli analisti: la fase acuta è passata ma ancora molto rimane da fare.

Le premesse non mancano: l’inflazione ad agosto dovrebbe scendere all’1,3%, lasciando spazio di manovra alle politiche espansive della Bce e dando respiro al potere di acquisto delle famiglie.

Un pezzo dell’economia reale, però, rimane indietro: è il mercato del lavoro, che, nell’area della moneta unica, a luglio ha visto la disoccupazione restare salda al 12,1%.

Un numero che nasconde al suo interno profonde disparità tra i membri del blocco: se in Germania i senza-lavoro sono appena sopra il 5%, in Grecia e Spagna superano il 26%, più di una persona su quattro.

In Italia, dove siamo ancora fermi al 12%, l’Istat certifica l’emergenza per i giovani: i disoccupati sotto i 25 anni sono ad un passo dal 40%.