ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lo Zimababwe di Mugabe, Paese in ginocchio "deve andare oltre la retorica"

Lettura in corso:

Lo Zimababwe di Mugabe, Paese in ginocchio "deve andare oltre la retorica"

Lo Zimababwe di Mugabe, Paese in ginocchio "deve andare oltre la retorica"
Dimensioni di testo Aa Aa

Disoccupazione oltre l’80%, un terzo della popolazione assistita dalla comunità internazionale, un quarto in fuga dalla carestia. Questa la realtà dello Zimbabwe all’inizio del quinto mandato di Robert Mugabe.

Nella capitale Harare, Solomon costruisce e vende mobili per 200 dollari al mese. Era un ragazzo quando Mugabe prese il potere.

“Attendiamo che arrivi il cambiamento da quando abbiamo vinto le elezioni – spera Solomon Ngarivume – Ci aspettiamo di vedere dei benefici per far in modo che la nostra vita migliori”.

Vincitore di un’elezione contestata, Mugabe, 89 anni, è il più vecchio presidente al mondo. È sempre riuscito a porsi come il liberatore dai coloni britannici, ma la sua politica populista ha portato il Paese – ostaggio della iper-inflazione – verso una recessione decennale.

“Essere eletti non è sufficiente – sostiene l’analista politico Takura Zhangazha – Bisogna andare oltre la retorica dell’indigenizzazione e della ripresa della terra. Devono dimostrare di avere intenzioni realmente democratiche, di voler mettere realmente al centro le persone e affrontare le sfide economiche che il Paese si troverà di fronte”.

Un auspicio che fa i conti con un Paese diviso. Lo sfidante del presidente alle elezioni del 31 luglio scorso, Morgan Tsvangirai, non ha preso parte alla cerimonia di insediamento e continua a denunciare brogli elettorali.