ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: rifugiati chiedono intervento militare

Lettura in corso:

Siria: rifugiati chiedono intervento militare

Siria: rifugiati chiedono intervento militare
Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre due milioni di rifugiati, la metà di loro sono bambini. Nei campi profughi ai confini con la Siria, chi è scappato dalla guerra civile sostiene l’ipotesi di un intervento militare esterno.

In quello di Zaatari, in Giordania, sono sospitate 130.000 persone. Le difficili condizioni di vita, combinate a un alto livello di criminalità, spingono molti a tornare in Siria.

“Il popolo siriano viene sterminato da oltre due anni e il mondo resta a guardare – dice Ahmed, un rifugiato proveniente da Deraa – È ora che il mondo si dia una mossa e metta fine alle morti e alla distruzione. Quattro giorni fa sono state usate le armi chimiche contro i civili ecco perché sosteniamo, senza ragioni, la soluzione militare”.

L’altra emergenza riguarda anche gli sfollati interni, 4 milioni su 23 milioni di abitanti. Un’emergenza umanitaria che – denuncia l’Onu – spesso deve fare i conti sia con organizzazioni criminali che con gruppi dell’opposizione che pretendono di gestire le attività nei campi.