ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuovi aiuti per la Grecia, Berlino apre. No al taglio del debito

Lettura in corso:

Nuovi aiuti per la Grecia, Berlino apre. No al taglio del debito

Nuovi aiuti per la Grecia, Berlino apre. No al taglio del debito
Dimensioni di testo Aa Aa

Non chiamiamolo terzo salvataggio: è piuttosto “un’ulteriore bisogno di sostegno”.

Parola del ministro delle finanze greco Yannis Stournaras che, in un’intervista, ammette quanto rivelato dai calcoli del Fondo monetario internazionale e ribadito dalle parole del ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schäuble: nei conti pubblici c‘è un buco da tappare.

Ammontare: almeno 10 miliardi di euro. Poco se confrontato con gli oltre 240 del primo e del secondo pacchetto.

Per Stournaras il Paese riuscirà comunque a rispettare le condizioni per tornare con successo sui mercati del debito: avanzo primario (cioè non contando gli interessi) e segno più per almeno due trimestri.

Ma la disoccupazione è alle stelle (per i giovani siamo oltre il 60%), l’economia arranca e gli interessi sul debito spingono Atene sempre più in rosso.

Da qui, l’altro grande tema che terrà sveglia Angela Merkel fino alle elezioni di settembre: l’opzione di una sforbiciata – pura e semplice – sul debito.

“Creerebbe un’effetto domino”, ha detto il cancelliere, che non ha chiuso completamente alla possibilità di nuovi aiuti. Ma, soprattutto, sarebbe a carico dei contribuenti tedeschi: cattivo biglietto da visita da portare alle urne.