ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Brasile, la banca centrale interviene in difesa della moneta

Brasile, la banca centrale interviene in difesa della moneta
Dimensioni di testo Aa Aa

La banca centrale brasiliana scende in campo a difesa del real. Da maggio la valuta del Paese ha perso il 21% del suo valore rispetto al dollaro, ma fino ad ora Brasilia non aveva osato attingere alle sue riserve.

Questo venerdì il cambio di rotta: ogni settimana offrirà 500 milioni di dollari di contratti “swap” per assicurare gli investitori contro ulteriori cadute oltre a 1 miliardo sul mercato spot per sostenerne il valore.

Non è un momento facile per l’economia carioca: il ministro delle Finanze Guido Mantega ha appena tagliato le stime di crescita per quest’anno e l’anno prossimo rispettivamente al 2,5% e al 4%.

Pesa il ribasso del prezzo delle materie prime, mentre nel Paese l’inflazione galoppa a causa dell’aumento dei costi delle importazioni.

Finora la banca centrale si era limitata ad alzare i tassi di interesse, ma la paura di strozzare il credito (e quindi la crescita) ha prevalso e ora ha deciso di usare un po’ di quei 374 miliardi di dollari custoditi nelle sue casseforti.

Saranno contenti, invece gli esportatori, ora più competitivi. Ma i tempi in cui il Brasile accusava gli Stati Uniti di svalutazione sono molto lontani.