ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Conto alla rovescia per il Royal baby, si attende il "messaggio reale"

Lettura in corso:

Conto alla rovescia per il Royal baby, si attende il "messaggio reale"

Conto alla rovescia per il Royal baby, si attende il "messaggio reale"
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutti in attesa dell’erede al trono. Il travaglio di Kate Middleton è iniziato nelle prime ore della mattina e la duchessa di Cambridge è stata ricoverata al St.Mary Hospital di Londra.

Fra poche ore l’attesa di sudditi e turisti sarà premiata: il primo segnale che il Royal baby è nato sarà la consegna della busta contenente il documento con orario di nascita, peso e sesso che un messaggero porterà alla regina a Buckingham Palace.

“Io vengo dall’Austria e il mio hotel è proprio lì. Siamo qui da sei giorni e speravamo tanto che la duchessa partorisse durante il nostro soggiorno – confessa Gabrielle Hass, un aturista austriaca – Oggi è il nostro ultimo giorno e dobbiamo andare all’aeroporto. Abbiamo sentito che è qui in ospedale e ci siamo detti “Il St Mary hospital è proprio qui!” Così siamo venuti. Siamo qui, spero che accada oggi”.

“Non andrò via da qui fino a quando il bambino nascerà, fino a quando William, Kate e il bambino appariranno in pubblico – dice John Loughrey, un eccentrico suddito di sua meastà – Speriamo davvero che sia un bambino sano e naturalmente che anche la madre stia bene. Questa è la priorità. Poi, io spero che sia una femmina. Tutto qui sperano che sia una bambina. Sono sicuro che l’intera nazione vuole una bambina”.

“Non vedo l’ora che questo bambino nasca, abbiamo percepito che qualcosa stesse accadendo la scorsa notte – sostiene Maria Scott, una fan della Casa Reale – e questa mattina abbiamo avuto la notizia che lei era stata ricoverata e che il travaglio è iniziato. C‘è grande allegria. Siamo tutti accampati qui e siamo moto felici”.

Le telecamere tornano a raccontare l’attesa. Non tutti i sudditi però sono così coinvolti e un importante quotidiano britannico propone, per oggi, un a doppia versione on line, quella monarchica e quella repubblicana.