ULTIM'ORA
This content is not available in your region

UE non finanzierà coloni israeliani

UE non finanzierà coloni israeliani
Dimensioni di testo Aa Aa

Israele critica la decisione dell’Unione europea di escludere da finanziamenti e accordi di cooperazione le attività che hanno sede nelle colonie.

Entro la fine della settimana Bruxelles pubblicherà le linee guida che vieteranno i rapporti con enti israeliani collocati fuori dai confini del 1967.

Intanto la portavoce della Commissione Maja Kocijancic anticipa: “La decisione è conforme alla posizione di lunga data dell’Unione europea che considera gli insediamenti israeliani illegali sotto il profilo del diritto internazionale e non riconosce la sovranità israeliana sui territori occupati.”

Il ministro israeliano Silvan Shalom replica: “Gli europei stanno facendo un grosso sbaglio ancora una volta. Vogliono sempre giocare un ruolo-chiave nel processo di pace, ma ancora una volta ci stanno mostrando che non possono perché non hanno un atteggiamento equilibrato verso il conflitto israelo-palestinese”.

Vietati anche premi, borse di studio e finanziamenti relativi ai progetti di partnership nella ricerca, come quelli previsti nel programma ‘Horizon 2020’.

I coloni criticano la scelta di Bruxelles. “Sono totalmente contraria alla decisione di fare differenze tra gli insediamenti e Israele” sostiene una cliente di un supermercato di Har Homa. “Ci sono ebrei che vivono qui. Sia loro che noi siamo tutti israeliani Non c‘è differenza e non ce ne dovrebbero essere.”

Commenti positivi invece dai pacifisti israeliani di Peace Now e dalle autorità palestinesi. Secondo l’esponente dell’Olp Hanan Ashrawi, l’Unione europea è passata dalle dichiarazioni di condanna a passi concreti che possono favorire la pace.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.