ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tunnel della Manica, costi eccessivi nel mirino dell'Ue

Tunnel della Manica, costi eccessivi nel mirino dell'Ue
Dimensioni di testo Aa Aa

Attraversare il Tunnel della Manica costa troppo e Bruxelles non intende mostrarsi di manica larga. Sul banco degli imputati questa volta è finito Eurotunnel, il gestore dell’imponente struttura sotterranea lunga 50 chilometri.

La Commissione europea ha dato due mesi di tempo alla società franco-britannica per abbassare i costi che questa fa pagare agli operatori ferroviari: oltre 4 mila euro a treno e 16 euro a passeggero per ogni passaggio.

Con conseguenze facilmente prevedibili per i prezzi finali dei biglietti: “A causa dei costi eccessivi nel Tunnel della Manica, i passeggeri pagano i biglietti più del dovuto, un sovrapprezzo per gli operatori ferroviari e i loro clienti”, spiega la portavoce della Commissione Helen Kearns.

“Il 43% della capacità nel Tunnel della Manica – prosegue – attualmente non viene utilizzato e sempre più merci vengono trasportate attraverso l’Europa sui camion invece che sui treni, causando traffico e inquinamento”.

I costi vanno dimezzati, dice la Commissione, il che raddoppierebbe il traffico di merci su rotaia.

Le leggi europee sono chiare: gli oneri devono essere proporzionati al logoramento causato dal passaggio dei treni. La compagnia si è difesa, sostenendo che devono ammortizzare i costi di costruzione.

Ma le autorità sono andate a guardare i conti, scoprendo non solo che non è vero, ma che i proventi sono usati per sussidiare il servizio navetta dell’operatore.

A violare le regole comunitarie, dicono, è anche l’accordo di utilizzo che riserva il 50% del traffico nel tunnel alla francese SNCF e alla tedesca DB Schenker per una durata di 65 anni.