ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Siria, il conflitto si propaga in Libano

Siria, il conflitto si propaga in Libano
Dimensioni di testo Aa Aa

Il conflitto siriano è ormai sconfinato in Libano, a riprova ci sono i due razzi che domenica mattina hanno colpito un quartiere sciita della capitale Beirut. Sotto attacco è finito uno dei bastioni di Hezbollah, all’indomani delle parole del leader del movimento sciita libanese Hassan Nasrallah che ha rivendicato l’impegno delle sue milizie in sostegno di Assad a Qusayr promettendo vittoria.

La città strategica siriana vicina al confine nord del Libano è ancora teatro di una cruenta battaglia che oppone le forze governative ai ribelli sunniti.

31 morti a Tripoli, una trentina di chilometri dal confine con la Siria, negli scontri fra alawiti, sostenitori di Assad, e sunniti, che fiancheggiano i ribelli.

Il rischio contagio allarma anche l’Iraq. Il ministro degli Esteri siriano, Walid al-Mouallem, è arrivato a sorpresa a Baghdad dove ha annunciato che la Siria prenderà parte alla conferenza internazionale di pace che si terrà a Ginevra.

“Ci sono buone opportunità” ha dichiarato Walid al-Mouallem. “Pensiamo che, con la buona volontà, questa conferenza internazionale costituisca una buona possibilità per una soluzione politica alla crisi in Siria.”

Partecipare a Ginevra per fermare il massacro: una protesta a Istanbul sollecita la Coalizione Nazionale dell’opposizione siriana riunita da giovedì. Discussioni e fratture interne paralizzano la decisione.