ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia, la piazza contro Ankara per lo sconfinamento del conflitto siriano

Lettura in corso:

Turchia, la piazza contro Ankara per lo sconfinamento del conflitto siriano

Turchia, la piazza contro Ankara per lo sconfinamento del conflitto siriano
Dimensioni di testo Aa Aa

“Il governo non ha fatto abbastanza per proteggerci”, i cittadini turchi sono scesi in piazza in molte città del Paese per protestare contro lo sconfinamento del conflitto siriano e contro la politica di Ankara, che secondo chi manifesta, l’ha provocato. Nella cittadina di Reyhanli, al confine con la Siria, la protesta è degenerata in scontri con la Polizia. Qui l’11 maggio scorso nell’esplosione di due bombe sono morte 51 persone, secondo il governo, i feriti sarebbero un centinaio.

Altri 4 sospettati sono stati fermati dalla polizia turca, gli arrestati sono 17. I cittadini sono in fibrillazione, la zona di confine appare fuori controllo: “I ribelli dalla Siria hanno attraversato il confine con grande facilità – dichiara un residente – praticamente il confine non esiste più, passa di tutto, questa situazione la nostra città molto meno sicura”.
“Siamo qui per diffondere fratellanza e solidarietà. Qui siamo uniti, cristiani, alawiti, sunniti ed armeni”. Il timore che la Turchia scivoli nel conflitto siriano a causa della contrapposizione tra Ankara e Damasco, infiamma anche le strade della capitale turca.
La polizia antisommossa è intervenuta per disperdere i manifestanti che scandivano slogan contro il premier Erdogan colpevole di non aver saputo impedire gli attacchi e i morti.