ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Prossimo membro UE, la Croazia rafforza le frontiere

Lettura in corso:

Prossimo membro UE, la Croazia rafforza le frontiere

Prossimo membro UE, la Croazia rafforza le frontiere
Dimensioni di testo Aa Aa

Nuova frontiera dell’Unione europea dal primo di luglio, la Croazia aggiorna e rafforza il sistema di controllo ai valichi.

Anche se non aderirà all’area Schengen immediatamente, Zagabria ha piani ambiziosi per soddisfare i criteri europei e per lottare contro l’immigrazione clandestina.

Finora paese di transito, con l’ingresso nell’Europa la Croazia diventa anche possibile terra di asilo:

“Negli ultimi anni molto è cambiato in termini di attrezzature, di numero di agenti di guardia, non solo nell’area di attraversamento ma anche tutt’intorno”, racconta un poliziotto, “Riceviamo regolarmente nuovi veicoli o attrezzature come macchine fotografiche a vision termica, binocoli, visori notturni, tutti essenziali per rilevare ingressi illegali”.

La rotta clandestina dei Balcani passa soprattutto da Lipovac, vicino alla Serbia, da Konavle verso il Montenegro, e dalla Bosnia Erzegovina.

La polizia croata ha appena smantellato una rete internazionale per il traffico di clandestini, provenienti per lo più dal Kosovo e dalla Turchia. Diversi complici sono stati arrestati anche in Bosnia. Circa 1200 euro a persona la loro tariffa per passare il confine.