ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il futuro dell'elettricità prodotta dalle piante

Lettura in corso:

Il futuro dell'elettricità prodotta dalle piante

Il futuro dell'elettricità prodotta dalle piante
Dimensioni di testo Aa Aa

Le piante possono produrre elettricità. Già avviene su piccola scala nel laboratorio del progetto Plant-e, che lavora su una tecnica sviluppata e brevettata nel 2007 dall’Università di Wageningen nei Paesi Bassi.

Tale processo si chiama Cella a Combustibile microbico-vegetale (Plant-Microbial Fuel Cell) ed è in grado di generare energia elettrica dalla naturale interazione tra radici delle piante e batteri del suolo.

La materia organica emessa dalle radici con la fotosintesi subisce un processo di degradazione per l’azione dei batteri, che provoca il rilascio di elettroni.

I ricercatori hanno messo un elettrodo vicino ai batteri, tramite la differenza di potenziale così creata si genera energia elettrica.

Marjolein Helder, Plant-e:
“I pannelli solari producono attualmente più energia per metro quadrato, ma intendiamo ridurre i costi della nostra tecnologia e questo sistema può adattarsi a diverse applicazioni”.

Piante collegate a tecnologie, questo sistema può essere sviluppato su varia scala.
Un modello sperimentale di 15 metri quadrati può produrre abbastanza energia da alimentare un computer portatile.
Il laboratorio Plant-e sta lavorando per allargarne l’utilizzo.

Marjolein Helder, Plant-e:
“Le possibilità sono molteplici. La nostra tecnologia produce elettricità, ma può anche fare da isolante o da collettore d’acqua. Ampliando il modello si può coltivare riso e produrre elettricità contemporaneamente, mettendo insieme cibo ed energia”.

Il primo prototipo di tetto ad energia verde è stato posto su uno degli edifici dell’Università di Wageningen e i risultati sono monitorati dai ricercatori. Nel 2014 sarà la volta di terreni e campi.

Altro da science