ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cipro in cima alle preoccupazioni dell'Eurogruppo

Cipro in cima alle preoccupazioni dell'Eurogruppo
Dimensioni di testo Aa Aa

Bonus dei banchieri, Tobin tax, crescita, i temi sul tavolo sono tanti. Ma per l’Eurogruppo, che si riunirà lunedì, il principale dossier si chiama Cipro. L’isola ha presentato da tempo richiesta di salvataggio ma ora i funzionari prevedono un’accelerazione nei negoziati.

Merito del nuovo presidente Nicos Anastasiades – candidato più gradito ai partner comunitari – il quale davanti al Parlamento ha sì promesso di arrivare al più presto ad un accordo per salvare le banche del Paese – si parla di fine marzo -.

Ma ha anche sottolineato che a rimetterci non dovranno essere i correntisti: “Negozieremo la conclusione di un accordo per un prestito il più presto possibile”, ha detto. “Qualsiasi riferimento a tagli sul debito pubblico o sui depositi non sarà accettato e non è prova di solidarietà. Una questione del genere non è nemmeno in discussione”.

All’isola servono 17 miliardi di euro: praticamente il suo prodotto interno lordo, il che farebbe schizzare il rapporto debito-Pil a livelli insostenibili. Ecco spiegato lo scetticismo dei creditori internazionali: i quali vogliono assicurarsi che il Paese possa saldare.

Senza contare le critiche alle banche cipriote, considerate rifugio di molti capitali russi. Un taglio ai risparmi è comunque escluso, dice Cipro, basteranno privatizzazioni e vendite di beni.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.