ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'ombra dell'ingovernabilità in Italia sulle piazze finanziarie mondiali

L'ombra dell'ingovernabilità in Italia sulle piazze finanziarie mondiali
Dimensioni di testo Aa Aa

Nonostante la calma apparente, a Piazza Affari lo sanno: gli occhi dei mercati mondiali sono puntati sull’Italia.

Metabolizzato un possibile ritorno al potere di Silvio Berlusconi, con lo spread già risalito sopra la cosiddetta “quota Monti”, i listini finanziari temono ora un risultato dell’urna incapace di esprimere una maggioranza stabile.

I titoli di Stato sono già in fibrillazione e gli investitori ripongono le proprie speranze in un Centrosinistra – avanti nei sondaggi di 4-5 punti percentuali – in grado di controllare il Senato grazie ad un’alleanza con i centristi.

Anche in quel caso le difficoltà per il futuro inquilino di Palazzo Chigi sarebbero solo all’inizio: l’economia italiana si è contratta per 6 trimestri consecutivi e le politiche di austerity per superare la crisi del debito hanno peggiorato un quadro già di per sè precario.

Burocrazia soffocante, tasse sulle aziende a livelli insostenibili, un sistema giudiziario considerato poco efficiente: i dossier sul tavolo del prossimo governo sono davvero tanti.

Basti un dato per far comprendere la diffidenza delle aziende straniere: l’Italia è agli ultimi posti nelle classifiche sui luoghi migliori dove fare impresa. Un dato che già si riflette sugli investimenti stranieri nel Bel Paese, la metà di quelli in Francia e addirittura un quarto di quelli in Gran Bretagna.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.