ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Su Port Said l'ombra dei cecchini

Su Port Said l'ombra dei cecchini
Dimensioni di testo Aa Aa

Non solo violenze delle forze regolari. Il timore a Port Said è che alcuni paramilitari possano far fuoco sulla popolazione. Una paura confermata al nostro inviato dagli stessi cittadini secondo cui almeno 4 persone sarebbero state ferite da un cecchino pochi minuti prima dell’arrivo della nostra troupe.
In effetti dietro alcune inferriate, a una finestra, un uomo armato di fucile, con un giubbetto antiproiettile avrebbe fatto fuoco sui passanti. È barricato in un edificio militare da un paio di giorni, ma si ignora se sia un soldato, un poliziotto o comunque un membro delle forze di sicurezza. Finora l’esercito ha circondato Port Said, ma ha sempre smentito qualsiasi intervento diretto nelle violenze. I soldati sarebbero responsabili di far rispettare il coprifuoco imposto da domenica scorsa nel governatorato di Port Said che comprende anche Suez e Ismaylia. Eppure molte delle vittime non sarebbero state uccise dagli scontri, ma da colpi d’arma da fuoco esplosi proprio da cecchini.
Almeno 42 persone finora, sono morte da domenica. Centinaia sono i feriti.