ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vertice UE, solo timidi passi avanti nell'integrazione economica

Vertice UE, solo timidi passi avanti nell'integrazione economica
Dimensioni di testo Aa Aa

Il sesto e ultimo vertice europeo dell’anno a Bruxelles si è chiuso con un primo timido passo avanti sull’unione bancaria, ma di fatto i capi di stato e di governo europei hanno rimandato le questioni piu’ spinose sull’integrazione economica e monetaria, su cui si deciderà solo dopo le elezioni tedesche a settembre.

Approvato il meccanismo di supervisione bancaria attribuito alla Banca centrale europea, spetterà ora all’Irlanda portare avanti il dibattito sull’unione economica, ma non solo avverte il premier irlandese Enda Kenny: “Non dobbiamo dimenticare che abbiamo ancora discussioni sul bilancio europeo pluriennale, che chiederà tempo, e poi c‘è la riforma della politica agricola comune, e circa una settantina di leggi da portare in parlamento. E spero inoltre che possiamo promuvere l’immagine di un’europa che sta lavorando per sostenere la crescita economica”

A giugno il presidente del consiglio Herman Van Rompuy dovrà presentare un calendario sulle prossime tappe. Si tornerà a parlare di “contratti vincolanti” per le riforme strutturali e di un nuovo “fondo di solidarietà” legato a questi contratti. Un meccanismo che potrebbe interessare la Spagna, costretta presto secondo gli analisti a chiedere aiuto finanziario all’Europa.

Il premier spagnolo Mariano Rajoy tuttavia ostenta ottimismo: “Nella politica europea si è incluso un obiettivo importante per la Spagna, cioé l’attenzione alla disoccupazione giovanile nella politica economica. Quando sono arrivato qui si parlava solo di rigore fiscale e austerità. Ora dopo nemmeno un anno si parla di crescita e unione bancaria”

Spiega l’inviata di Euronews al Consiglio, Isabel Marques da Silva: “Al di là della road map per l’unione bancaria, il 2013 è un anno che si annuncia difficile: si parla di recessione, di un possibile piano per la Spagna, e di controverse elezioni in Italia e in Germania. Elementi che hanno spinto i leader europei a posticipare le discussioni su un sistema di garanzia dei depositi dei risparmiatori e su un possibile budget della zona euro”.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.