ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scontri e proteste: Slovenia in piazza contro austerity e corruzione

Lettura in corso:

Scontri e proteste: Slovenia in piazza contro austerity e corruzione

Scontri e proteste: Slovenia in piazza contro austerity e corruzione
Dimensioni di testo Aa Aa

L’ombra della corruzione accende la miccia del malcontento e fa saltare la polveriera di una Slovenia minacciata da imponenti politiche di austerità.

Tre giorni appena dopo Ljubiana, a infiammarsi lunedì è stata la piazza di Maribor, la seconda città del Paese.

Polizia in tenuta anti-sommossa e manifestanti si sono scontrati nelle vie del centro, dove in migliaia si erano radunati per affidare a un simbolico falò davanti al Comune l’appello alle dimissioni del sindaco Frank Kangler, su cui da settimane pesano accuse di corruzione.

Sul malessere ingenerato dal caso di Kangler, espulso a novembre dal partito conservatore, ha poi fatto da detonatore l’elezione di Borut Pahor alla guida del Paese.

Rispondendo a un tam-tam su internet, proteste contro il neo-presidente sono avvenute anche a Lubjana e in altre quattro città. Nel mirino, la promessa di politiche di austerity e aumento dell’età pensionabile, che poco più di un anno fa erano già costate a Pahor la poltrona di primo ministro.