ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vertice Ue, secondo giorno. Ieri compromesso sulla sorveglianza bancaria comune

Lettura in corso:

Vertice Ue, secondo giorno. Ieri compromesso sulla sorveglianza bancaria comune

Vertice Ue, secondo giorno. Ieri compromesso sulla sorveglianza bancaria comune
Dimensioni di testo Aa Aa

Un vertice che si protrae oltre il previsto si profila a Bruxelles, dove sono riuniti, per il secondo giorno, e forse fino a notte tarda, i leader dei 27 paesi dell’Unione europea. Al centro dei colloqui, il bilancio dell’eurozona.

Ieri, sulla sorveglianza bancaria comune, c‘è stato scontro fra la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese François Hollande, oggi il capo dell’Eliseo si dice ottimista:

“È stato fatto un buon accordo ieri, un calendario di scadenze, che coinvolge l’insieme delle banche, con la volontà di istituire certi meccanismi. È una buona intesa, bisogna prenderla come tale”.

In Europa ci sono circa 6 mila istituti di credito. Gli addetti ai lavori italiani si dicono favorevoli all’accordo, a condizione che le regole valgano davvero per tutti. L’obiettivo, ha detto il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani è che le banche tornino ad essere un sostegno dell’economia reale, riprendendo a far circolare il denaro.

La supervisione bancaria sarà in vigore a partire dal 2013 e operativa a partire dal 2014. Già dal vertice europeo di dicembre dovrebbe essere fissato un calendario in vista di una maggiore integrazione economica dell’Eurozona.