ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sudafrica: al via inchiesta su strage Marikana

Sudafrica: al via inchiesta su strage Marikana
Dimensioni di testo Aa Aa

A poco più di un mese dalla strage dei minatori di Marikana, in Sudarfrica non si fermano le proteste.

Il giorno in cui si insedia la commissione che dovrà far luce sull’uccisione dei 34 minatori è stato preceduto dalla protesta delle donne. Mogli e madri degli operai della Lonmin hanno accusato la polizia di brutalità e il Presidente Jacob Zuma di voler nascondere la verità.

“Sono venuta per dire alla polizia: gli agenti non devono ucciderci, ma proteggerci – spiega una manifestante – Il loro lavoro è quello di difenderci, non di ammazzarci”.

Il massacro di Marikana ha rappresentato la più sanguinosa azione da parte delle forze di sicurezza dal 1994.

La commissione d’inchiesta prevede di completare le sue indagini entro 4 mesi, ma, intanto, le proteste dei minatori coinvolgono ogni giorno nuove aziende.

I lavoratori in sciopero – dopo che a Marikana sono stati concessi aumenti salariali fino al 22% – sono diventati decine di migliaia. Tutti chiedono un aumento della loro paga.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.