ULTIM'ORA
This content is not available in your region

In centinaia ai punti di raccolta in Libia per deporre armi

In centinaia ai punti di raccolta in Libia per deporre armi
Dimensioni di testo Aa Aa

I libici iniziano a deporre le armi, nel tentativo di scrollarsi di dosso il recente conflitto e ripristinare la sicurezza nel Paese. Sotto la supervisione dell’esercito, centinaia di persone si sono messe in coda ai punti di raccolta allestiti a Tripoli e Bengasi per consegnare pistole automatiche, kalashinkov, granate, lanciarazzi, persino carri armati, retaggio della violenza che ha portato alla caduta di Gheddafi.

Un cittadino di Tripoli racconta la partecipazione all’iniziativa, e spiega di volere libertà in un Paese sicuro. “Non vogliamo più armi – dice – non vogliamo più vederne”.

Il disarmo punta a ripulire le strade libiche dalle milizie, contro cui si è scagliata la popolazione in particolare in seguito all’assassinio dell’ambasciatore statunitense, l’11 settembre a Bengasi.

La dimensione degli arsenali ancora presenti sul territorio è tuttavia difficile da definire, e l’addio alle armi si preannuncia complesso. L’iniziativa sarà ripetuta in altre città.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.