ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Portogallo in rivolta contro "la tassa sociale"

Il Portogallo in rivolta contro "la tassa sociale"
Dimensioni di testo Aa Aa

Più che malcontento è una vera e propria collera collettiva quella che sta montando in Portogallo a causa del programma di austerità, criticato tra l’altro anche dall’esercito e dalla chiesa. Venerdì scorso si è svolta un’altra protesta a Lisbona, ma l’ampiezza della contestazione ha colto di sorpresa governo e sindacati.

I cittadini si sono opposti duramente all’ultima misura che il primo ministro di centro-destra Pedro Passos Coelho vorrebbe imporre dall’anno prossimo. Ma dopo otto ore di riunione con il presidente della Repubblica, Anibal Cavaco Silva, Passo Coelho ha dovuto fare marcia indietro e rinunciare ad aumentare dall’11 al 18% i contributi sociali a carico dei lavoratori, riducendo invece quelli dei datori di lavoro dal 23,7 al 18 per cento.

Il che significa un trasferimento di oneri pari a 2 miliardi di euro dalle imprese ai lavoratori. La misura, sostiene il governo, serve a facilitare nuove assunzioni, a fronte di una disoccupazione che ha superato il 15 per cento.

Ma non è piaciuta a nessuno. A cominciare dai salariati, come Paulo Mourinha assistente panettiere: “Questa cosa non aiuta né gli imprenditori né i lavoratori. E alla fine dell’anno noi ci ritroveremo con un mese di stipendio in meno e le imprese continueranno a pagare tasse elevate e non ci aumenteranno la paga”.

La stessa cosa la pensa il proprietario di un’altra panetteria, Licino Guedes: “Non funziona, non funziona. La parte di contributi sociali che è aggiunta al lavoratore e tolta a me non basta per consentirmi di assumere un’altra persona”.

I portoghesi stanno già riducendo i consumi a causa dell’aumento dell’Iva, salita al 23% quest’anno. La recessione farà perdere un altro 3% di Pil, ma l’austerità è necessaria, per avere i 78 miliardi di aiuti concessi l’anno scorso da Unione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale.