ULTIM'ORA

Sudafrica: rilasciati i minatori del massacro di Marikana

Sudafrica: rilasciati i minatori del massacro di Marikana
Dimensioni di testo Aa Aa

In Sudafrica la procura ha ritirato le accuse di omicidio, mosse contro i 270 lavoratori arrestati in seguito agli scioperi e agli scontri avvenuti nella miniera di platino di Marikana, nel nord del paese, in agosto. I minatori vengono rilasciati in queste ore. L’accusa del procuratore contro i manifestanti si basava sul fatto che gli scioperi fossero illegali. Anche il solo essere presenti su luoghi dove erano avvenute violenze comportava una incriminzione. Anche se era stata la polizia a sparare.  In totale nei vari scontri 44 persone avevano perso la vita. Non è però che i guai per i rilasciati siano finiti: sono stati confermati gli altri capi d’accusa tra cui tentato omicidio e violenza in luogo pubblico. Le violenze più cruente risalgono alla giornata del 16 agosto, sempre nella miniera di Marikana, tra i dipendenti del gigante estrattivo Lonmin, la società proprietaria della miniera, e la polizia. Si tratta degli eventi sanguinosi, in Sudafrica, dalla fine dell’Apartheid.
 

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.