ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Germania, vent'anni fa la vergogna di Lichtenhagen

Germania, vent'anni fa la vergogna di Lichtenhagen
Dimensioni di testo Aa Aa

Una vergogna che non si cancella in vent’anni: un pogrom che nessuno vuole che si ripeta, e per questo un migliaio di persone si sono date appuntamento a Lichtenhagen, a mezz’ora d’auto da Rostok, nell’ex Germania est. Vent’anni fa, il muro di Berlino era caduto da poco, quando trovò improvvisamente sfogo la follia neonazista contro gli immigrati:

“C‘è chi dice che quello che è accaduto non si dovrà ripetere mai. Ma la gente è cambiata, solo un terzo degli abitanti di Lichtenhagen c’era vent’anni fa e si ricorda, mentre altri sono infastiditi dalle continue commemorazioni, o sdrammatizzano o pensano che gli autori di quegli atti siano venuti da fuori, ma non è vero”.

Si chiamava “casa dei girasoli” l’edificio di undici piani che ospitava i rifugiati. Circa centocinquanta, in gran parte vietnamiti, rimasero intrappolati all’interno, mentre l’edificio bruciava e veniva ancora bersagliato dalle molotov dei neonazisti. Scamparono alla morte forzando una porta che dava sul tetto.