ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tolimir, "l'intelligence" di Mladic

Tolimir, "l'intelligence" di Mladic
Dimensioni di testo Aa Aa

Fu il vice di Ratko Mladic, poi collaborò ad organizzarne la latitanza. Zdravko Tolimir è stato arrestato il 31 maggio del 2007: terzo principale ricercato nella lista dell’Aja, dopo Radovan Karadzic et Ratko Mladic.

L’ex generale serbo bosniaco Tolimir durante la guerra di Bosnia dal 92 al 95, da vicecomandante per i servizi segreti e di sicurezza dell’esercito rapportava direttamente a Ratko Mladic, il “Boia dei balcani”, alla sbarra con 11 capi d’accusa di fronte al Tribunale penale internazionale per la ex Yugoslavia.

Il processo a Tolimir è iniziato tre anni dopo l’arresto alla frontiera tra la Serbia e la Repubblica Srpska, l’entità serba della Bosnia, grazie ad un’operazione congiunta della forze di polizia serbo-bosniache. A ritardare l’inizio del procedimento le condizioni di salute dell’imputato colpito da un aneurisma inoperabile, alta pressione e successivi infarti.

Il tribunale dell’Aja accusa l’ex generale Tolimir, di crimini contro i musulmani bosniaci di Srebrenica, Zepa e dintorni. Già nel 2005 sollevò contro di lui l’accusa di genocidio, associazione a scopo di genocidio, crimini contro l’umanità e violazione della legge e delle consuetudini di guerra. Deve rispondere del massacro di almeno 10mila musulmani a Srebrenica nel luglio del 1995.

Sono passati 17 anni dal più sanguinoso crimine commesso in Europa dalla fine della seconda guerra mondiale. Uomini donne e bambini trucidati dai paramilitari, i corpi seppelliti in fosse comuni, poi spostati con ruspe in altri luoghi. Il riconoscimento delle vittime non è ancora terminato