Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Circa 120 morti in Siria. Annan prepara il "piano B"

Circa 120 morti in Siria. Annan prepara il "piano B"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

L’esasperarsi delle violenze in Siria induce Kofi Annan a tentare un ultimo sforzo di mediazione. Circa 120 le vittime contate dall’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani nello stesso giorno in cui Hillary Clinton ha parlato di una road map per una soluzione diplomatica, che l’inviato di ONU e Lega Araba presenterà alla fine del mese a Ginevra.

Da Homs arriva intanto la denuncia del Comitato della Croce Rossa Internazionale. Malgrado l’accordo per una tregua umanitaria, al suo personale sarebbe stato impedito l’accesso alla città.

“In base alle informazioni di cui disponiamo – dice la portavoce Rabab Al-Rifai – sono per esempio centinaia le persone bloccate nella città vecchia di Homs. Molte, moltissime, di loro devono essere trasferite in aree più sicure. Ma con questi combattimenti è impossibile”.

A tenere banco in giornata, anche il caso di un caccia scomparso dai radar siriani e poi atterrato in una base militare giordana, a un’ottantina di km dalla capitale.

Bollato come traditore da Damasco e celebrato per il suo coraggio da Washington, il colonnello che era ai comandi ha chiesto e ottenuto l’asilo politico da Amman. I ribelli siriani parlano di lui come del primo disertore nell’aviazione, dall’avvio delle proteste.