Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Robot, grandi ispettori navali

Robot, grandi ispettori navali
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Ma i robot possono servire anche alla manutenzione delle navi?

Leonidas Drikos, Direttore, Glafcos Marine
“Il progetto riguarda l’ispezione delle navi con l’assistenza dei robot. Stiamo incrementando una flotta di robot di diverso tipo che uniti insieme possano svolgere il compito.”

La stiva di questa nave cargo in Bulgaria pullula di robot per l’ispezione. Ognuno di questi ha una funzione diversa relativa ai test globali di sicurezza del natante e la sua capacità di tenere il mare.

Vediamo quali sono:

“Questo è un robot magnetico che si arrampica per l’ispezione dello scafo”.

“Questo e un robot subacqueo per l’ispezione delle casse di zavorra.”

“ Questo è un robot-elicottero per l’ispezione visiva”

“Un robot con cingoli magnetici usato per ispezionare le stive delle navi.”

Mentre volano, strisciano o analizzano i robot ispezionano la nave in ogni minimo dettaglio.

Obiettivo offrire informazioni accurate agli ispettori e contemporaneamente ridurre tempi e costi.

Alessia Vergine, dirigente di Marine Research:

“Otteniamo dei video generali che ci danno una visione di quello che e’ lo stato di degrado o la qualita’ del livello della struttura, della corrosione.

Otteniamo inoltre immagini specifiche ravvicinate di punti particolari all’interno dei quali dobbiamo essere in grado di intervenire.”

Questa flottiglia è il risultato di un progetto europeo di ricerca che mette insieme navi, classificazioni di compagnie, ingegneri esperti di robot.

La prima tappa era l’esplorazione su come i robot possono affrontare le attività marittime.

Alessia Vergine:
“Ci siamo resi conto da subito che operare in condizioni di elevata umidita’, dovendo magari camminare su superfici non completamente pulite o molto spesso sporche o anche bagnate, crea a queste tecnologie alcuni problemi .”

Bisogna apprendere molto in fretta ma la squadra sta andando nella giusta direzione.

Leonidas Drikos:
“ Dobbiamo avere la prova che il concetto funzioni cosi’ la fase successiva diventa operare in condizioni ancora piu’ impegnative, direi. Perchè adesso abbiamo agito in una fase di test, mi attendo di lavorare in situazioni reali”.