ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Grecia. Incarico esplorativo alla sinistra radicale

Grecia. Incarico esplorativo alla sinistra radicale
Dimensioni di testo Aa Aa

Oggi ci prova Alexis Tsipiras a formare il nuovo esecutivo in Grecia. Il leader di Syriza, sinistra radicale, punta a una coalizione di sinistra, che rifiuti il memorandum europeo e vari un piano per ricostruire il paese.

Tsipiras vedrà tutti i partiti, tranne l’estrema destra di Alba dorata. Dopo la vendetta nelle urne, i greci non sembrano però pronti a riconciliarsi con la politica:

“Non si metteranno d’accordo, almeno per ora – dice un uomo intervistato in un mercato di Atene – Non abbiamo mai avuto la fortuna di trovare qualcuno che veramente si preoccupasse di questo povero paese. Tutti i governanti pensano solo a se stessi. Ma i greci questa volta gliele hanno cantate chiare”.

Sul rifiuto dei diktat esterni sono d’accordo un po’ tutti, anche le classi medie:

“Vorrei un movimento anti piano di salvataggio, che mandi un messaggio all’Europa nel senso di un cambio di politica, dall’austerità allo sviluppo”.

Nuova democrazia e i socialisti, le uniche due formazioni disposte a sostenere il piano di austerità, si sono rese conto di non avere le forze necessarie per formare un governo di unità nazionale. Così ieri sera, il leader conservatore Antonis Samaras, è andato dal presidente Karolos Papulias per gettare la spugna.

Come vuole la legge, Papulias ha conferito l’incarico esplorativo a Tsipiras, capo del secondo partito. Vista la frammentazione del quadro politico, non sono da escludere nuove elezioni a stretto giro di posta.