ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Carestia nel sud del Sahara, il Ciad il più colpito

Carestia nel sud del Sahara, il Ciad il più colpito
Dimensioni di testo Aa Aa

Le Nazioni unite lanciano l’allarme: è emergenza alimentare in Ciad.

Le donne in fila, nel distretto di Mao, cercano aiuto ai centri di nutrizione coordinati dall’UNicef e gestiti dalle Ong.

I loro figli soffrono di malnutrizione acuta, aggravata da problemi respiratori dovuti alla sabbia.

“Là dove abitano, non esiste un centro medico, dunque i genitori come primo soccorso applicano i trattamenti tradizionali”, spiega il dottor Joliane Ghedabi, “Ciò significa che quando arrivano qui, sono già in uno stadio di criticità ed è difficile per noi intervenire”.

L’Unicef stima che quest’anno i bambini denutriti sotto i cinque anni saranno quasi 130 mila, di cui 13 mila gravi.

La crisi alimentare minaccia il Ciad e altri 7 apesi dell’Africa sud-sahariana. Le organizzazioni umanitarie parlano di quasi 200 milioni di euro di aiuti necessari e di 23 milioni di persone a rischio.

A causare la carestia, le piogge insufficienti e le riserve di cereali scarse: impossibile tenere fino al prossimo raccolto, in settembre.