ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Braccio teso alla corte. Breivik saluta l'avvio del processo

Braccio teso alla corte. Breivik saluta l'avvio del processo
Dimensioni di testo Aa Aa

Un sorriso beffardo e un saluto che ricorda quello nazista. E’ con l’ennesima sfida a una Corte di cui ha ribadito di non riconoscere la legittimità, che Anders Beiring Breivik ha accolto ad Oslo l’avvio del processo a suo carico.

Autore reo-confesso delle stragi che lo scorso luglio sono costate la vita, nella capitale norvegese e sull’isola di Utoya, a un totale di 77 persone, il trentatreenne ha negato la propria colpevolezza e ribadito di aver agito per “legittima difesa” del suo paese e “contro l’islamizzazione” e i “traditori della patria”.

Principale interrogativo per la Corte è ora lo stato mentale dell’imputato al momento dei fatti. Dopo due perizie psichiatriche contraddittorie, una terza è stata ordinata la scorsa settimana.

Imponente presenza mediatica e massicce misure di sicurezza hanno salutato a Oslo il primo giorno di un processo che si prevede durerà dieci settimane.

Breivik, se giudicato capace di intendere e di volere, rischia fino a 21 anni di carcere.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.