ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Summit Americhe: serie di piccole esplosioni dopo arrivo Obama a Cartagena

Summit Americhe: serie di piccole esplosioni dopo arrivo Obama a Cartagena
Dimensioni di testo Aa Aa

17 mila poliziotti e robot anti-esplosivi non sono bastati a garantire una vigilia tranquilla al summit delle americhe al via a Cartagena in Colombia.

Varie piccole esplosioni si sono verificate nella serata di venerdì, senza provocare feriti, nei pressi dell’ambasciata statunitense, poco dopo l’arrivo del presidente Barack Obama.

In Colombia c‘è chi accusa le Farc, ma non si esclude la pista dei cartelli legati al narcotraffico.

Barak Obama si prepara ad affrontare un summit difficile e non manca chi prevede che possa essere l’ultimo. La maggioranza dei governi latinoamericani ha imposto fuori agenda, ai ricchi paesi del nord, tre contenziosi: Cuba, narcotraffico e Falkland-Malvine.

In molti hanno già avvertito il capo della Casa Bianca che non ci sarà un altro summit senza la presenza de L’Avana.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.