ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Elizabeth in versione horror. Il ritorno della giovane Olsen

Elizabeth in versione horror. Il ritorno della giovane Olsen
Dimensioni di testo Aa Aa

Il ritorno della giovane Olsen. A pochi mesi dalla passerella a Cannes per “La fuga di Martha”, Elisabeth, la più giovane delle tre sorelle dalle uova d’oro, è di nuovo al cinema con un horror.

Riprese in digitale e illusione di un solo piano sequenza, gli stratagemmi ansiogeni su cui punta “Silent House”: remake statunitense dell’uruguaiano “La casa muda”, per cui la produzione ha reclutato alla sceneggiatura lo stesso Gustavo Hernandez che aveva firmato l’originale.

“Io stessa sono una grandissima appassionata di horror – racconta Elizabeth Olsen -. Girare un film del genere è quindi stato quindi molto stimolante. Da un punto di vista attoriale, la sfida è stata soprattutto quella di incarnare quella parabola di genuino terrore”.

Di recente accanto a mostri sacri come Robert De Niro e Sigourney Weaver nel thriller “Red Lights”, la 23enne attrice californiana scala questa volta le gerarchie e interpreta il ruolo della protagonista.

“Il film – dice – racconta la storia di questa ragazza, Sarah, che con il padre e lo zio, si trasferisce per l’estate nella residenza estiva della famiglia. La casa è praticamente in rovina, abbandonata a sé stessa e in preda ai ratti. Una volta lì, proprio quando lo zio si allontana un attimo per andare in città, il padre improvvisamente scompare. E per quanto lei lo cerchi, non riesce a trovarlo in tutta la casa”.

A dirigere il film è la stessa coppia Chris Kentis e Laura Lau, già nota al pubblico internazionale per “Open Water”.

Presentato all’ultima edizione del Sundance Film Festival, “Silent House” è da poco uscito in Canada e Stati Uniti. In Italia si attende invece ancora una distribuzione ufficiale. I fan della giovane Olsen potranno però intanto consolarsi con “Red Light”, che la 01 Distribution si è ripromessa di portare in sala.