ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Isola Reunion, ancora violenze contro il carovita

Isola Reunion, ancora violenze contro il carovita
Dimensioni di testo Aa Aa

Terza notte di disordini a Saint Denis, capoluogo dell’isola di Reunion, dove è in atto una protesta contro il rincaro di combustibili e generi alimentari.

La situazione sembra essersi calmata rispetto a mercoledì notte, ma non sono mancate sporadiche violenze che hanno visto protagonisti essenzialmente gruppi di giovani.

Resta alta l’allerta da parte delle forze dell’ordine, che hanno presidiato i supermercati per prevenire tentativi di saccheggio.

L’isola francese, che si trova nell’Oceano Indiano a sud del Madagascar, non è nuova a episodi di violenza innescati dal carovita. L’ultima ondata di proteste risale al marzo 2009. I rappresentanti politici locali hanno proposto misure per calmierare i prezzi dei beni di prima necessità e hanno chiesto al governo di Parigi di intervenire con un piano di urgenza.

Per buona parte dei residenti, la misura è colma.

“Non compro più nemmeno lo yogurt, c‘è una quantità di prodotti che non mi posso più permettere. I prezzi sono troppo alti, la situazione è insostenibile, devo tagliare su ogni cosa”.

Sull’isola di Reunion, la disoccupazione tocca più del 29% della popolazione e il 60% dei giovani con meno di venticinque anni.