ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Orfeo e Euridice: all'Opera di Parigi il capolavoro di Pina Bausch

Orfeo e Euridice: all'Opera di Parigi il capolavoro di Pina Bausch
Dimensioni di testo Aa Aa

All’Opera di Parigi torna in scena Orfeo e Euridice di Pina Bausch. Emblema dell’arte della coreografa tedesca che lo concepì nel 1975, è entrato nel repertorio dell’Opera nel 2005.

L‘étoile Marie-Agnès Gillot ha lavorato sotto la direzione di Pina Bausch. L’interprete di Euridice ci spiega la differenza gestuale della danza contemporanea. “Con Pina Bausch, appena si avvia un movimento, bisogna coinvolgere tutta la cassa toracica e si deve soprattutto metterla in evidenza. Se si fa una curva ad esempio si devono divaricare tutte le vertebre, bisogna sentirle, respirare con esse. Nella danza classica, quando si assume una posizione, la cassa toracica è molto trattenuta, mentre con Pina Bausch, il suo movimento è considerato un codice di bellezza”.