ULTIM'ORA

Nuova Zelanda lotta per recuperare container sulla Rena

Nuova Zelanda lotta per recuperare container sulla Rena
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La minaccia di una fuoriuscita di combustibile torna a preoccupare la Nuova Zelanda, dopo che la portacontainer arenata da tre mesi al largo delle sue coste orientali si è spezzata in due tronconi.

Centinaia di container sono finiti in mare durante la tempesta. La guardia costiera sta tentando di recuperare quelli rimasti a bordo. “Un compito che si presenta ora estremamente difficile – ha precisato il ministro neozelandese all’ambiente – a causa dell’ampiezza del danno riportato dalla nave”.

La portacontainer Rena si è incagliata lo scorso 5 ottobre sulla barriera corallina a dodici miglia da Tauranga, una zona nota per la bellezza delle sue spiagge e la ricchezza della fauna marina. Trecentocinquanta tonnellate di carburante si erano riversate in mare, provocando una marea nera che aveva ucciso migliaia di uccelli marini e inquinato chilometri di costa. Un disastro ambientale tra i più gravi che la Nuova Zelanda abbia conosciuto.

I soccorritori hanno già portato via la maggior parte del combustibile a bordo e la parte restante non dovrebbe essere tale da creare un danno simile a quello dei mesi scorsi. Il comandante e il secondo ufficiale della Rena sono stati incriminati e rischiano fino a due anni di carcere.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.