ULTIM'ORA

Armenia-Turchia: ombre di complotto sulla morte di un giornalista

Armenia-Turchia: ombre di complotto sulla morte di un giornalista
Dimensioni di testo Aa Aa

Tensioni a Istanbul, alla ripresa del processo per l’assassinio di un giornalista turco-armeno.

Già condannato a quasi 23 anni l’esecutore materiale, in circa duecento hanno sfilato davanti al tribunale, reclamando il carcere anche per quelli che ritengono essere i mandanti.

Sullo sfondo delle permanenti tensioni derivate dal mancato riconoscimento da parte di Ankara del cosiddetto “genocidio armeno”, accusa dei manifestanti è che le autorità turche stiano ostacolando il corso della giustizia.

Fondatore e direttore di una rivista diffusa anche in armeno, Hrat Dink era stato ucciso nel gennaio 2007 ai piedi del suo ufficio.

A luglio riconosciuto come responsabile un nazionalista turco, la giustizia vaglia ora la posizione di una ventina di persone, sospettate di esser coinvolte in un più ampio complotto.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.