ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ashton difende le sanzioni contro la Siria adottate dall'Ue

Ashton difende le sanzioni contro la Siria adottate dall'Ue
Dimensioni di testo Aa Aa

Le sanzioni contro la Siria sono necessarie, e dopo l’embargo posto sulle importazioni di petrolio potrebbero arrivare nuove misure economiche. Il capo della diplomazia europea difende i provvedimenti adottati dai Ventisette in seno alla riunione informale dei ministri degli Esteri che si è conclusa a Sopot, nel nord della Polonia.

“Abbiamo adottato delle misure restrittive che puntano a ridurre le risorse finanziarie del regime – ha spiegato Catherine Ashton -. Lo scopo è quello di fare pressione economica per arrivare a un risultato politico, ossia porre fine allo spargimento di sangue e aiutare la popolazione siriana a dare seguito a legittime aspirazioni”.

Per voce del ministro degli Esteri Sergei Lavrov, la Russia ha criticato la posizione europea, affermando che sanzioni unilaterali non porteranno a nulla di buono. Nel primo dei due giorni di vertice l’Unione europea ha imposto un blocco sul petrolio siriano, oltre a nuovi provvedimenti nei confronti di alcuni uomini d’affari e società.

Ora resta da capire cosa accadrà in sede Onu, dove i Ventisette sperano di superare la resistenza di Mosca e Pechino a sanzioni del Consiglio di Sicurezza.