ULTIM'ORA
This content is not available in your region

GB, studente malese aggredito, la rivolta del web

GB, studente malese aggredito, la rivolta del web
Dimensioni di testo Aa Aa

Mascella rotta e portafoglio vuoto,

Ashraf Haziq Rosli, studente malese di vent’anni, racconta dal letto d’ospedale la sua disavventura per le vie di Londra in rivolta.

Uscito a comperare da mangiare per la cena del Ramadan, è stato buttato giù dalla bici e poi rapinato dai suoi stessi soccorritori.

Passa via internet la solidarietà, espressa in una raccolta fondi e in una lista di messaggi per dire al ragazzo: i britannici non sono tutti così.

Persino David Cameron accenna alla sua storia: “È chiaro che ci sono cose che non vanno bene nella nostra società”, ha commentato il primo ministro britannico, “quando vediamo bambini di 12 e 13 anni darsi allegramente al saccheggio, quando vediamo le immagini disgustose di un giovane ferito, derubato dalle persone che pretendevano di aiutarlo”.

Via internet l’aggressione, avvenuta durante i disordini di lunedì, un video tra i più cliccati in Gran Bretagna e nel paese d’origine del ragazzo, lasciato per strada sanguinante e con lo zaino svaligiato.

Preoccupato anche il primo ministro della Malesia che ha messo in guardia i suoi connazionali, più di 13 mila gli studenti malesi in terra britannica.