Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Nuovo tentativo di mediazione sul Nagorno Karabakh

Nuovo tentativo di mediazione sul Nagorno Karabakh
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Conosciuto come uno dei conflitti congelati dell’era post sovietica, quello in Nagorno Karabakh continua ad alimentare tensioni e instabilità in una regione che ha visto accrescere la propria importanza strategica per gli approvvigionamenti energetici internazionali.

Assegnato all’Azerbaijan nel primo dopoguerra, dagli anni novanta il Nagorno Karabakh è sotto il controllo militare armeno, in seguito ad uno scontro tra i due vicini che tra il 1988 e il 1994 ha fatto 30mila vittime e più di un milione di rifugiati.

Il futuro di questo territorio montuoso nel Caucaso meridionale, autoprocalmatosi stato indipendente nel ’91 ma non riconosciuto come tale dalla comunità internazionale, è al centro di uno sforzo di mediazione che investe direttamente Mosca. Il presidente russo Medvedev, l’armeno Sarkissian e l’azero Alyiev torneranno a incontrarsi venerdì per tentare di trovare una via d’uscita.

Alyiev e Sarkissian ci hanno parlato delle loro aspettative per questo incontro.

“Azerbaijan disposto a concedere larga autonomia a Nagorno Karabach”, Ilham Alyiev
“Indispensabile l’autodeterminazione del Karabakh”