ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Germania rinuncia al nucleare

La Germania rinuncia al nucleare
Dimensioni di testo Aa Aa

La Germania fermerà il suo ultimo reattore nucleare entro il 2022. Sarà la prima potenza industriale a rinunciare all’energia atomica.

Il governo di Berlino conta 17 reattori nucleari sul suo territorio, otto non sono più collegati alla rete di produzione dell’energia elettrica e non saranno più riattivati.

L’annuncio arriva dal ministro dell’Ambiente, Norbert Roettgen in piena nottata: “Per quanto riguarda la chiusura delle centrali nucleari – dice – il nostro accordo prevede che i sette vecchi impianti indicati nella moratoria e la centrale nucleare Kruemmel non saranno più collegati alla rete. Altre sei centrali saranno disattivate entro il 2021, e i tre impianti più moderni cesseranno l’attività entro il 2022”.

L’energia nucleare garantisce, al momento, il 22% del fabbisogno di elettricità del Paese.

Una marcia indietro per il cancelliere tedesco, Angela Merkel: nel 2010, fece approvare l’estensione dello sfruttamento dei reattori. Ma dopo la catastrofe di Fukushima, aveva fermato le centrali più vecchie.