ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna verso le amministrative all'ombra degli "indignados"

Spagna verso le amministrative all'ombra degli "indignados"
Dimensioni di testo Aa Aa

Alla vigilia del giorno di riflessione pre-elettorale, le piazze spagnole si scaldano di nuovo. A iniziare dalla Puerta del Sol, a Madrid, epicentro della protesta, migliaia di giovani – i cosiddetti “indignati” – promettono di continuare una battaglia che dura ormai da giorni. “Chiediamo un cambiamento nella società, un cambiamento che deve scaturire da un cambiamento politico – dice un portavoce del movimento -. Ci vuole maggiore rappresentazione, i politici devono occuparsi di più dei valori sociali e meno del mercato”.

La Giunta elettorale spagnola ha stabilito il divieto di manifestare domani, vigilia del voto per le comunali e regionali. Ma grazie a un passaparola che ha attraversato tutta la Spagna, migliaia di persone hanno ingrossato le file di un movimento che anche il premier José Luis Rodriguez Zapatero sembra in parte giustificare: “Noi sappiamo – ha detto – che i miglioramenti che occorre apportare e che il sostegno di cui i giovani hanno bisogno, specialmente per la disoccupazione, si possono ottenere con il lavoro e con il voto”.

La Spagna ha il più alto tasso di disoccupazione nell’Unione europea, oltre 21 percento. Gli indignati non protestano solo contro la crisi e la classe politica, ma chiedono anche un cambiamento del sistema elettorale, e intendono fare sentire il proprio peso sulle elezioni di domenica, nelle quali si preannuncia una batosta per il governo socialista.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.