ULTIM'ORA

Libia, stranieri evacuati con ogni mezzo

Libia, stranieri evacuati con ogni mezzo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Via mare, via terra. Via dalla Libia dilaniata dalla guerra civile: continua la fuga degli stranieri.

Stavolta tocca a migliaia di cinesi imbarcati a Bengasi su una nave greca. Una comunità che in Libia contava 30 mila persone, la metà già tornata a casa.

Sono 100 mila in tutto gli asiatici da rimpatriare con ogni mezzo.

Ma molti scali sono inagibili e, quelli aperti, difficili da raggiungere.

A Mosca, gli evacuati raccontano dei posti di blocco a decine che hanno ostacolato il viaggio di ucraini e russi da Sirte verso l’aeroporto.

Ore e ore per fare 7 chilometri. Ad aiutarli, la gente comune: “Il popolo libico ci ha dato una mano a passare i posti di blocco. Non so come abbia fatto”, racconta un ucraino, “persone armate ci hanno preso le memory card, le sim, guidare è pericoloso. Hanno tutti il viso coperto, sono sporchi, aggressivi, sbrigativi”.

All’aeroporto di Tripoli intanto è il caos, assediato da centinaia di stranieri, ansiosi anch’essi di tornare a casa il più in fretta possibile.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.