ULTIM'ORA
This content is not available in your region

In sciopero il Canale di Suez, ma le navi passano

In sciopero il Canale di Suez, ma le navi passano
Dimensioni di testo Aa Aa

I lavoratori del Canale di Suez hanno incrociato le braccia, 6 mila uomini che nelle ultime 48 ore si sono allineati al malcontento generale esploso in Egitto.

Eppure le navi passano lo stesso, senza fare un giro lungo 7 giorni.

Il canale funziona normalmente, ha confermato il primo ministro Ahmed Chafik.

Uno sciopero anomalo, quindi, che si spiega con un escamotage: “Le autorità egiziane sono state previdenti”, dice l’analista Wally Mandryk della Lloyd’s List, “consentono ai trasportatori di consegnare le merci posticipando il pagamento delle tasse doganali”.

Insieme a gas e turismo, il canale vecchio più di 140 anni è una delle principali risorse del paese. Qui transitano ogni giorno più di 2 milioni di barili di greggio.

La sua chiusura inciderebbe negativamente sul prezzo del petrolio, l’economia e i commerci. Cosa che nessuno vuole, Europa e Casa bianca in primis.