ULTIM'ORA

Piazza Tahir: continua l'attesa dei manifestanti

Piazza Tahir: continua l'attesa dei manifestanti
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Nonostante gli sforzi sul piano politico per cercare di uscire dalla crisi senza ulteriore spargimento di sangue, in piazza tahir i manifestanti continuano a chiedere che Mubarak se ne vada.

L’esempio da seguire resta quello tunisino con l’obiettivo di costruire nuove basi per il paese.

-“La partenza di qualche dirigente del partito non è sufficiente. Bisogna sradicare tutto, altrimenti questi cambiamenti non hanno senso. Dice che resterà altri sei mesi, fino alla fine del suo mandato. Ma cosa ne sarà della gente?”.

-La folla non è disposta a cedere: piazza tahir resterà presidiata fino alla fine del regime.

-“Rifiutiamo di negoziare finché non se ne va il presidente. Tutti i ragazzi qui non vogliono negoziare prima della partenza di Mubarak”.

Anche i bambini hanno scritto in fronte “Mubarak vattene!”

-“Noi chiediamo che venga dissolto il parlamento e il Consiglio di Shura, la camera alta. Vogliamo che venga tolto lo stato di emergenza e vogliamo stipendi più alti. Vogliamo che Mubarak se ne vada. Mubarak vattene”.

Il messaggio è chiaro. In molti ora si chiedono per quanto il presidente riuscirà ancora a tenere. Il nostro corrispondente Mohamed Elhamy:

“Qui in piazza Tahir non è cambiato nulla. Siamo al 13esimo giorno di protesta. I manifestanti chiedono la caduta del regime, mentre sul piano politico ci sono differenze: si fanno sforzi per cercare di uscire dalla crisi attraverso il dialogo”.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.