ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il giorno in cui il mondo crollò su Haiti

Il giorno in cui il mondo crollò su Haiti
Dimensioni di testo Aa Aa

Port-au-Prince. Palazzo presidenziale. 12 gennaio 2010. Ore 16.53. Il mondo crolla su Haiti.

Una scossa che pare non finire mai – “Goudou-Goudou”, l’han chiamata gli haitiani – e che falcerà la vita di 250 mila persone. Per gli altri, resta il trauma.

Come per questo giovane, che racconta: “Ero alla ricevitoria del lotto quando ho sentito il terremoto. Tutti si sono messi correre e una casa è crollata. C’erano molti morti. Ho lasciato cadere tutto e sono corso fuori. Sono caduto, poi mi sono alzato e ho visto casa mia crollare”.

Goudou-Goudou non ha risparmiato nemmeno la cattedrale. Un soldato brasiliano ha filmato i momenti successivi al crollo con il suo cellulare.

All’interno c’era anche qualcuno che è sopravvissuto.

Ena Zizi, oggi settantenne, era andata ad assistere a un incontro. Racconta: “Io e la persona che era lì con me ci siamo guardate, ma io sono caduta in ginocchio. Non so poi che cosa sia accaduto realmente, ma la stanza mi è crollata sulla testa”.

Dopo sette giorni e sette notti trascorsi al buio, sotto le macerie, senza cibo e senz’acqua, pensando di non rivedere mai più i suoi figli e i suoi nipoti, il miracolo.

Javier Vázquez è il soccorritore messicano che l’ha raggiunta per primo. La sua emozione è grande mentre ricorda: “Sono riuscito a raggiungere la signora e sentire che mi prendeva la mano e la stringeva, ho sentito come se fosse Dio a toccarmi la mano, e ho potuto baciarle la mano, e lei mi chiamava figlio. Ho sgomberato la zona. I nostri fratelli, i Topos de Cancùn, ci hanno aiutati, e anche i nostri fratelli soccorritori del Sudafrica”.

Purtroppo, Ena è stata solo una dei pochi fortunati.

Chi non è morto, non ha più una casa. O un braccio, o una gamba. Goudou-Goudou si è portato via anche quelli.