Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Tunisia: autorità ammettono 14 vittime in scontri con polizia

Tunisia: autorità ammettono 14 vittime in scontri con polizia
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo tunisino ammette 14 vittime negli scontri con la polizia dopo settimane di proteste contro caro-vita e disoccupazione.

Le autorità di Tunisi hanno confermato la morte di 8 persone solo nell’ultima giornata di violenze. Ma secondo l’opposizione sarebbero almeno 25/30 le vittime dei disordini degenerati nelle città di Thala e Kasserine.

Il Presidente Ben Alì ha dichiarato che le manifestazioni violente sono un fatto inaccettabile e il governo le ha derubricate ad opera di gruppi minoritari. Ma allo stesso tempo ha promesso investimenti per creare lavoro.

Il Paese è attraversato dalla peggiore ondata di proteste da decenni a questa parte. La scintilla è stata la morte di un venditore ambulante che il 18 dicembre scorso si è dato fuoco a Sidi Bouzid, nel centro della Tunisia, per protestare contro la confisca del suo banco abusivo di frutta e verdura. Cinque giorni fa il decesso dopo due settimane di ricovero.

Secondo l’opposizione le forze dell’ordine hanno aperto il fuoco anche sulla folla che ha preso parte ai cortei funebri.