Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Tunisia ancora in rivolta, Ben Ali parla di terrorismo

Tunisia ancora in rivolta, Ben Ali parla di terrorismo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Continua la rivolta contro il caro-vita e la disoccupazione in Tunisia, filtra via internet attraverso il black out totale imposto dal regime.

Lavoro, libertà e dignità: queste le parole d’ordine del movimento esploso a Sidi Bouzid a metà dicembre, quando un venditore ambulante si è dato fuoco per la confisca del suo banco di frutta e verdura.

Ma per il presidente Ben Ali, dietro alla protesta c‘è ben altro: “Gli eventi sono stati violenti, talvolta sanguinosi, e hanno causato la morte di civili e il ferimento di diversi membri delle forze di sicurezza. Sono opera di gruppi mascherati che hanno attaccato edifici governativi di notte e i civili nelle loro case, un atto terroristico che non può essere trascurato”.

Anche oggi, scontri violenti si sono avuti nelle città del nord, a Kasserine, Thala e Regueb. Dall’inizio della guerriglia urbana, sono almeno 14 i morti secondo il governo, più di 20 per l’opposizione che denuncia la dura repressione.

“Facciamo appello alla moderazione nell’uso della forza e per il rispetto delle libertà fondamentali”, ha dichiarato il portavoce dell’Alto rappresentante europeo alla politica estera Maja Kocijancic, “in particolare chiediamo il rilascio immediato di blogger, giornalisti, avvocati e altre persone arrestate”.

Per arginare la rivolta, Ben Alì promette 300 mila nuovi posti di lavoro in 2 anni e la creazione di commissioni politiche e civili per l’ascolto dei cittadini.