ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'ONU non apre l'inchiesta sugli incidenti in Sahara occidentale

L'ONU non apre l'inchiesta sugli incidenti in Sahara occidentale
Dimensioni di testo Aa Aa

I saharawi non sono riusciti a ottenere la condanna dell’ONU dopo gli incindenti della settimana scorsa con i soldati del Marocco. L’8 novembre a Laayoune, nel territorio conteso del Sahara occidentale, sono morti 36 civili saharawi, mentre altri 163 sono finiti in carcere. Negli scontri hanno perso la vita anche 8 militari di Rabat.

Il Consiglio di sicurezza ha deplorato le violenze, ma non ha condannato esplicitamente il Marocco e non ha accolto la domanda del Fronte Polisario di aprire un’inchiesta.

Il Sahara occidentale è stata una colonia spagnola fino al 1975, anno in cui venne occupato dal Marocco. I rispettivi ministri degli interni si sono incontrati ieri per discutere della situazione.

Neanche Madrid ha condannato apertamente le violenze e ciò sta suscitando vivaci polemiche interne. Nella capitale spagnola si sono svolte manifestazioni a favore del Fronte Polisario che da 35 anni lotta per l’indipendenza di questo territorio.